AGOSTINO GIZZI

Il carrozziere della ‘500 limousine’ che ha stregato Hollywood

Prova a sognare che l’auto uscita dalla tua carrozzeria, dopo un restyling stupefacente, finisca dritta in un film di successo e scorrazzi per il centro di Roma star hollywoodiane del calibro di Ben Stiller o Chris Owen. Detto, fatto: perché il sogno non è più tale, e adesso Agostino Gizzi, carrozziere Cna da San Salvo, estremo lembo della provincia di Chieti, quasi quasi non crede a quel che gli è successo.

L’auto in questione è una Fiat 500, “sessantottina” purosangue, che le sapienti mani del trentottenne artigiano hanno saputo trasformare, dopo un lunghissimo e certosino lavoro, fatto di taglio e cucito di pezzi rigorosamente originali, in una incredibile limousine extrasize, visto che misura ben 4 metri e 20 centimetri.

“Le ossa in officina me le sono fatte accanto a papà Nicola – racconta Agostino - nell’attività di famiglia avviata 35 anni fa, ma mai e poi mai avrei immaginato di poter arrivare a tutto questo”.

Che il restyling di auto d’epoca sia la specialità della casa, lo conferma lo stesso Gizzi, che racconta con semplicità il suo lavoro e di come sia sbocciata la passione per macchine così: “Ho cominciato qualche anno fa, quasi per caso. Mi piacevano le auto d’epoca ed allora ho cominciato a interessarmene. Adesso abbiamo clienti da tutta l’area del medio Adriatico, che ormai ci hanno scoperto come restauratori. Quasi sempre si tratta di proprietari di vetture prestigiose come Dino Ferrari, Porsche, Jaguar: mezzi che richiedono accuratezza particolare nella lavorazione, una ricerca attenta e non sempre facile di ricambi originali, ma soprattutto tanta perizia e abilità nella parte dedicata alla lavorazione, dal taglio dei pezzi alla verniciatura”.

Così, perfezionando le proprie competenze, lavorando di fantasia e usando abilmente la potenzialità della rete per farsi conoscere, Gizzi ha messo a punto anche la 500 limousine, finita dritta nel cast di un film destinato a grandi incassi: quel “Zoolander 2” che è da qualche giorno nelle sale italiane.

“Quando la produzione mi ha contattato, fissando un appuntamento a Roma – racconta – sulle prime ho pensato a uno scherzo. Ma poi, dopo le loro insistenze, ho caricato l’auto e sono partito per la Capitale con mia moglie Cinzia. E lì, dalle parti del cimitero del Verano, gli emissari della produzione si sono materializzati davvero, dandomi appuntamento il giorno dopo dove si stavano girando anche le scene dell’ultimo 007. Ed è lì che, dopo le strette di mano con Stiller, la macchina ha avuto il via libera definitivo, per le scene girate a Cinecittà”.

Unico ritocco richiesto per calcare le scene di Zoolander 2, il colore: e la lunghissima 500, nata bianca, si è ritrovata per esigenze di scena tutta blu. Così abbigliata, è finita per una quarantina di secondi nel film, con i due protagonisti seduti nel sedile posteriore.

Per uno specialista nel restauro d’auto e moto d’epoca (fanno bella mostra di sé prototipi della mitica Vespa progettata da un altro abruzzese immaginifico, Corradino D’Ascanio), i problemi però arrivano qualche volta a fine lavoro: “In Italia non esistono strumenti per omologare auto simili. E allora me ne devo andare in Germania – conclude Gizzi - ma anche lì gli ingegneri collaudatori apprezzano il mio lavoro!».



di Sergio D’Agostino


L'IMPRESA
  •   NOME: Agostino Gizzi
  •   LUOGO: Chieti
  •   ATTIVITA’: Carrozziere
  •   AREE TEMATICHE: Servizi alla comunità